« Torna agli articoli

3° Memorial Raffa Martini vince lo Sport

Cala il sipario sulla terza edizione del Memorial Raffa Martini, torneo riservato alla categoria Esordienti (ragazzi nati nel 2003 e nel 2004) e che ha visto evoluire sui campi della provincia di Bergamo 12 Squadre con i rispettivi 150 atleti, oltre a istruttori, arbitri e genitori. Un bello spot per la pallacanestro giovanile, quella pura, quella dei ragazzini appassionati del Basket, quella delle emozioni forti e vere, quella dei sorrisi per la gioia di un canestro o di un pianto a dirotto per una sconfitta in volata!
La nostalgia prevale su tutto. Nel cuore e nella mente c’è già indelebile il ricordo dei momenti felici, delle nuove amicizie, delle tante persone incontrate a cui riservare un posto speciale nello scrigno dei ricordi di vacanze di natale segnate a fuoco da una bella esperienza sportiva e di vita.

Per la cronaca vince meritatamente il gruppo targato Bluorobica con un percorso netto invidiabile, frutto di qualità tecniche e tattica sopra la media. Complimenti! Piazza d’onore per lo splendido gruppo di Azzano San Paolo, ben allenato e con grande carattere. Gradino più basso del podio per il gruppo Urania Milano, una banda di simpatiche canaglie appassionate di basket. Quarti ma comunque con grandi meriti la squadra di Osio Sotto del patron Angelo De Robertis. Bravi avanti così.

E così via via tutte le altre squadre Martinengo (quinta) ma grandi prospettive, Caravaggio (sesta), ABC Crema (settima) con tanti chilometri sulle spalle nella tre giorni, Basket Seriana (ottava), Lussana (nona), Verdello (decima), La Torre (undicesa) con ben 5 supplementari giocati nella giornata d’esordio e Dalmine (dodicesima) ma anche loro con una bella vittoria (da ricordare) nel percorso del torneo.

Premiazione speciale per Andrei Brivio, allievo allenatore dell’anno per quanto riguarda la provincia di Bergamo e momento particolare anche per i quattro arbitri che si sono particolarmente distinti durante il torneo con il giovanissimo Riccardo Missaglia (12 anni) a fare da esempio per molti suoi coetani e non solo. La passione per il Basket è anche questo.

Anche quest’anno Raffaele ci è stato vicino perchè le cose funzionassero per il meglio e così è stato. Il suo ricordo e la sua voglia di stare in palestra a far crescere le nuove generazioni non ci abbandoneranno mai.

+Copia link